Get Adobe Flash player

 

Ultime 10 News

Modulo vuoto

IL NOSTRO SONDAGGIO

Chi voteresti in caso di nuove Elezioni?

ALTRI - 0%
LEGA - 0%
MOVIMENTO 5 STELLE - 100%
PD - 0%
PDL - 0%
La votazione per questo sondaggio terminata on: 22 Apr 2013 - 11:52

Ricerca nel Sito

Login Form

IL METEO

 16-12-2011 scuolaI padri costituenti avevano in mente un progetto ben preciso per gli studenti italiani.  Infatti gli articoli 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana regolano i vari ambiti dell'istruzione scolastica, dall'istituzione di scuole da parte di enti e privati all'assegnazione di borse di studio ai “capaci e meritevoli”. Il programma realizzato prevedeva un'istruzione obbligatoria e gratuita per tutti, l'insegnamento libero dell'arte e della scienza,

un trattamento degli studenti delle scuole private uguale a quello degli studenti delle scuole pubbliche; prevedeva insomma un cammino formativo costruito all'insegna della promozione dell'uguaglianza e della meritocrazia.

 

Ma come ogni buon progetto realizzato in circostanze poco favorevoli, anche quello dei padri costituenti non è andato a buon fine.

Basta accedere al sito ScuolaZoo o fare una chiacchierata con uno studente per capire che purtroppo la realtà è ben diversa da quella prospettata dagli articoli 33 e 34 della Costituzione. Professori totalmente incapaci di trasmettere ai loro alunni la conoscenza, “studenti” o presunti tali che passano le ore di lezione a fumare nel cortile o ad ascoltare musica, interrogazioni fasulle, scuole che stanno per cadere a pezzi.

 

Il confronto con l'Europa non può far altro che spaventare: secondo un'indagine OCSE del 2006 i diplomati sono il 57% dei giovani, contro l' 85% della Germania, il 78% della Francia e il 68% della Gran Bretagna.

Probabilmente i sopra citati articoli non sono stati letti con attenzione dai ragazzi che frequentano le scuole paritarie e che si vantano compiaciuti del fatto che ottengono buoni voti a scuola senza muovere un dito.

La probabilità ancora più alta è che questi ragazzi non abbiano mai tenuto in mano una Costituzione. Dovrebbero insegnarglielo i professori, a credere nelle parole scritte in quegli articoli. Il problema sorge quando i suddetti professori vendono i trenta e lode o promettono promozioni in cambio di favori sessuali.

Anche i professori delle scuole superiori che si assentano di continuo o che non svolgono i loro programmi d'insegnamento come dovrebbero probabilmente hanno frainteso le parole dei padri costituenti. Leggere un libro di testo agli alunni non basta. I giovani hanno bisogno di esempi validi.


 

blog comments powered by Disqus

From Address:

Sei il Visitatore Numero

000000
Statistik created: 2016-04-28T21:20:09+02:00

Test ADSL

Misura la Velocità della tua ADSL


Testata Giornalistica Reg. Tribunale di Cagliari, Decreto n. 24/10 del 01-12-2010 - Copyright © Notizie-News. Tutti i diritti riservati.