Get Adobe Flash player
Rincari e prezzi record: ecco gli aumenti del 2019

Rincari e prezzi record: ecco gli aumenti del 2019

Sembra che la crisi preoccupi un Italiano su due. A rivelarlo è un sondaggio  che ha come...

Woody Allen. Un americano a Roma.

Woody Allen. Un americano a Roma.

 Povero Woody Allen: costretto tutti gli anni a sfornare un capolavoro, altrimenti i critici...

Turismo: l'arte della diversificazione dell'offerta

Turismo: l'arte della diversificazione dell'offerta

  Intervista a due imprenditori falconaresi     Falconara Marittima è una...

Tipicità e natura. Riflessioni sull'identità sarda

Tipicità e natura. Riflessioni sull'identità sarda

I giovani dissidenti sardi e la politica impegnata aprono al dialogo della distanza. Il tutto...

Trentasette anni fa la morte di Bobby Sands

Trentasette anni fa la morte di Bobby Sands

Trentasette anni fa  anni fa, nel carcere-lager di Long Kesh, moriva Bobby Sands,...

  • Rincari e prezzi record: ecco gli aumenti del 2019

    Rincari e prezzi record: ecco gli aumenti del 2019

  • Woody Allen. Un americano a Roma.

    Woody Allen. Un americano a Roma.

  • Turismo: l'arte della diversificazione dell'offerta

    Turismo: l'arte della diversificazione dell'offerta

  • Tipicità e natura. Riflessioni sull'identità sarda

    Tipicità e natura. Riflessioni sull'identità sarda

  • Trentasette anni fa la morte di Bobby Sands

    Trentasette anni fa la morte di Bobby Sands

 

Ultime 10 News

Modulo vuoto

IL NOSTRO SONDAGGIO

Chi voteresti in caso di nuove Elezioni?

ALTRI - 0%
LEGA - 0%
MOVIMENTO 5 STELLE - 100%
PD - 0%
PDL - 0%
La votazione per questo sondaggio terminata on: 22 Apr 2013 - 11:52

Ricerca nel Sito

Login Form

EDITORIALI

E il 2012 che verrà

 E così è arrivato il 2012, l’anno della presunta fine del mondo. Il 21 dicembre 2012 è infatti la data in cui, secondo il calendario gregoriano, si verificherà un evento di proporzioni catastrofiche, tale da determinare la fine del...

Leggi

Editoriale

La società odierna sta affrontando un rapido mutamento dei suoi costumi. Un esempio? I rapporti tra le persone, laddove per rapporto si intende il contatto con l’altro e la condivisione di esperienze e idee.Il modo in cui ci relazioniamo con il...

Leggi

IL METEO

enviroment
animals
people
places
details
various

indignadosSono ormai passate più di due settimane dalla marcia degli indignados a Roma. Occasione persa, anzi bruciata, a causa degli utili idioti, dei rivoluzionari della domenica che hanno volutamente confuso la protesta pacifica contro un sistema politico-finanziario ormai al tracollo,

 

Ripeto, un'occasione mancata. Seguendo il modello newyorkese si era scesi in piazza per difendere tematiche lontane dalla speculazione politica; il risultato è stato degno degli anni di piombo: il potere contro il quale si marciava è stato rafforzato dall' ignoranza e dalla stupidità dei facinorosi. Accadeva così anche nei '70, quando i governi, dopo giornate di scontri in piazza, ritrovavano un po' di linfa nel nome dell'ordine e della sicurezza.

Legittimo ciò che una ragazza gridò ai microfoni a fine serata: "Il nostro messaggio è caduto. Ora saremo ricordati solo per i vandalismi di pochi e nessuno vorrà più sentire le nostre ragioni". Legittimo, ma non completamente esatto. Il guanto di sfida lanciato il 15 ottobre non è rimasto a terra. Qualcuno l'ha raccolto.

Lontano dalle piazze romane, in una piccola realtà di provincia, Terni, un negoziante sta dando scandalo, ribaltando uno status quo che per anni ha ostacolato lo sviluppo economico e sociale di città e regione.

Si fa chiamare Roberto l'indignato. Non è ternano, viene dalla Capitale ma ormai si sente parte del luogo e dei suoi problemi. Roberto è un piccolo esercente, la sua è una boutique del centro storico, ben avviata ma stretta d'assedio da un lato dalla concorrenza cinese, dall'altro dalle istituzioni locali che per quadrare i bilanci tagliano le spese per il sociale e tassano i contribuenti.

Pochi giorni orsono, mentre montava la protesta di Roberto, il Consiglio regionale a Perugia eliminava l'assegno di 480 euro destinato all'assistenza domiciliare; nel frattempo a Terni ecco una nuova ordinanza sulle affissioni, con un'altrettanto nuova imposta pronta a gravare su negozianti.

Sul locale dell'indignato compaiono di colpo dei manifesti pubblicitari, che propongono ai clienti saldi anticipati e maxi sconti. Liquidazione totale? No. Le cause sono elencate di lato e, alla promozione commerciale, si affianca la provocazione politica:

CAUSA: CRISI - POLITICHE GESTIONE CENTRO STORICO - CONCORRENZA CINESE - SPESE INSOSTENIBILI

Cosa c'è in comune con il movimento che in tutto il mondo grida a gran voce rinnovamento? Tassazione e rispetto per lavoro e sacrifici prima di tutto. Roberto è molto franco e, davanti ad un caffé, parla della difficoltà nel gestire una attività, per la carenza di strategie economiche e di svilupo da parte delle istituzioni locali. Il perno economico umbro è rappresentato da artigiani e piccola e media impresa, strozzati da tassazione alle stelle e dall'invasione nel mercato nazionale di merce di basso costo e bassa qualità, proveniente sovente da paesi che ignorano il diritto del lavoro e sfruttano manovalanza numerosa e a salario molto ridotto.

A tributi e concorrenze sleali si affianca l'idea, sottolinea Roberto, del negoziante come limone da spremere. Ride Roberto, facendoci un esempio che risulta emblematico della condizione in cui lui e i suoi colleghi sono costretti a lavorare. In ogni negozio ci sono espositori e cartelloni pubblicitari. Siccome, seppur interni al locale, sono visibili dalla strada, il Comune impone la sua 'decima', da affiancare alla già esistente imposta sulle affissioni.

Scherza Roberto, l'idea della 'decima' sul macinato lo fa divertire, ma ancora di più lo diverte il 'polveratico', antico tributo imposto ai viandanti. E una specie di polveratico lo paga anche lui: la tassa sull'ombra, in vigore dal 2010. Roberto ci spiega che, almeno questa alla fine, ha potuto risparmiarsela rinunciando al tendaggio. Cosa di non poco conto a pensarci bene, poiché nei giorni di pioggia o di sole battente una vetrina diventa inservibile, senza la giusta protezione.

Alla deficienza di politiche volte allo sviluppo e alla tutela di artigiani e piccoli imprenditori, si aggiungono complicazioni di accessibilità del centro storico. Niente più parcheggi liberi, solo maxi rimesse che arrivano a costare dieci euro al giorno. Immaginiamo, per un momento, di essere commessi o impiegati di negozi e uffici. Su un salario base di 800 - 1000 euro, escludendo i festivi si arriva a pagare fino a 250 euro al mese di posteggio, mezzo milione delle vecchie lire per andare a lavorare.

"Non siamo spugne" , commenta il 'nostro' indignato. "Lavoriamo, teniamo vivo il centro cittadino e forniamo benesse, ovvero lavoro che, in tempi come questi, certo è cosa diventata rara".

Roberto è convinto che, dopo anni di silenzi sia ora il momento di reagire. La reazione si fonda su compattezza e unità di intenti di una categoria che ha sempre fatto il suo dovere nei confronti delle istituzioni, venendo da queste ultime poi trattata con minore riguardo di quanto non le spettasse.

Speriamo che, a differenza della manifestazione di Roma, la politica locale non entri a spinta, nel tentativo di monopolizzare la protesta del commerciante. Brutto da dire ma quando un politico allunga la mano a chi combatte per un diritto, quel diritto perde lentamente il suo valore poiché, agli occhi della gente, smette di essere qualcosa di lecito, di legittimo e assume subito una connotazione di colore, di parte. Una speranza che riguarda Roberto ma anche la città tutta, al fine che a monopolizzare centro e periferia non siano grandi holding industriali o comunità asiatiche, che si arricchiscono spesso assumendo personale non in regola, pagandolo in nero e non rispettando alcuna norma di concorrenza.

Roberto ha aperto un sito www.indignatoroberto.blogspot.com ed una pagina Facebook che vi invitiamo a visitare.

Marco Petrelli

blog comments powered by Disqus

From Address:

Turismo: l'arte della...
  Intervista a due imprenditori falconaresi     Falconara Marittima è una località che si affaccia...
Storia del Fantasy: Il Re del...
E' difficile definire bene quale sia il confine di demarcazione fra l'inizio della letteratura Fantasy e ciò che c'era...
Fossati: "Stasera il mio...
“Vidi e conobbi l’ombra di colui che fece per viltade il gran rifiuto”. Questi i versi che Dante ha dedicato a...
Il futuro dopo Steve Jobs
Un tempo c'è stato Woodstock. Il sogno di un futuro migliore del presente, dei sognatori e dei creativi al potere,...

Most Popular

 
 
 
 
 
 
 
 

Sei il Visitatore Numero

000000
Statistik created: 2016-04-28T21:20:09+02:00

Top Video Picks

    

    

    

    

  

Test ADSL

Misura la Velocità della tua ADSL


Testata Giornalistica Reg. Tribunale di Cagliari, Decreto n. 24/10 del 01-12-2010 - Copyright © Notizie-News. Tutti i diritti riservati.